Chi siamo

 

Il CoReVe (Consorzio Recupero Vetro) è stato costituito nel 1997 a seguito del d.lgs. 22/97, integrato con il d.lgs 152/2006.  Hanno l’obbligo di aderirvi i produttori e gli importatori, sia industriali che commerciali, di imballaggi in vetro. A partire dal 2020 possono aderire su base volontaria e previo accordo con gli altri consorziati anche i recuperatori ed i riciclatori. Aderisce, a sua volta, al Consorzio Nazionale Imballaggi (CONAI).

Nell’anno 2021 aderiscono al Consorzio 24 produttori di vetro cavo, 40 Importatori commerciali(grossisti/distributori), 38 Importatori industriali (riempitori) e 7 Recuperatori.

Opera in via sussidiaria all’attività di altri operatori economici del settore per incentivare e supportare la raccolta differenziata dei rifiuti di imballaggio in vetro e garantire l’avvio al riciclo del materiale conferito.

Ha personalità giuridica di diritto privato, non ha fini di lucro ed è tenuto a garantire l’equilibrio della propria gestione finanziaria.

Ogni anno deve trasmettere al CONAI e al Ministero dell’Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare il Piano Specifico di Prevenzione (PSP), un rapporto sullo stato di avanzamento della raccolta differenziata e del riciclo dei rifiuti di imballaggio in vetro in Italia comprendente anche il programma degli obiettivi di riciclo dei tre anni successivi.

CoReVe persegue la sua missione attraverso un sistema di convenzioni volontarie con i Comuni, o con i loro delegati, che prevede, sulla base di quanto stabilito dall’Accordo ANCI-CONAI, l’erogazione ai Convenzionati di corrispettivi, a fronte dei costi emergenti dovuti alla raccolta fatta in maniera differenziata, modulati sulla base della qualità (presenza di materiali impropri) e quindi della riciclabilità dei rifiuti consegnati.

Al 31 dicembre 2020 i Comuni convenzionati erano 7.414, corrispondenti a circa il 97% della popolazione italiana.

Altri strumenti fondamentali del Consorzio sono la comunicazione, la promozione e le incentivazioni, attuate per sollecitare i cittadini ad un comportamento virtuoso, supportare le aree in ritardo, favorire la raccolta monomateriale, indirizzare gli operatori della filiera.

Le principali fonti di finanziamento di CoReVe sono:

  • il contributo ambientale CONAI (CAC), la cui entità è stabilita dal Consiglio di Amministrazione del Consorzio Nazionale Imballaggi e il cui prelievo è attuato al momento della vendita dell’imballaggio dal produttore all’utilizzatore;
  • i proventi derivanti della cessione, tramite aste, dei rifiuti di imballaggio in vetro ritirati da CoReVe attraverso le convenzioni locali.

MANAGEMENT E CONSORZIATI

STATUTO E REGOLAMENTO

CENTRI DI TRATTAMENTO E VETRERIE